You are currently viewing Manuale di istruzioni per concentratori di ossigeno per Medici senza frontiere

Manuale di istruzioni per concentratori di ossigeno per Medici senza frontiere

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Notizie
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Abbiamo avuto il piacere di aiutare il Responsabile Biomed a lavorare per l'Organizzazione Umanitaria Internazionale Medici Senza Frontiere (Medici Senza Frontiere) in Sierra Leone.

Stanno supportando l'ospedale governativo di Kenema, aiutando l'ingegnere biomedico locale a mantenere i dispositivi medici in funzione. In questo ospedale menzionato ci sono diversi concentratori di ossigeno che erano purtroppo fuori servizio e l'ospedale non aveva alcun manuale d'uso o manutenzione.

Ancora più difficili i dispositivi non erano stati venduti tramite O2-O3, siamo stati comunque in grado di trovare un manuale di istruzioni per i modelli di concentratori di ossigeno specificati, che abbiamo inoltrato al team lì, per il quale erano più grati, perché i dispositivi tanto necessari erano semplicemente seduti lì senza che nessuno sapesse come gestirli e mantenerli.

Medici senza frontiere

La Sierra Leone ha uno dei più alti tassi di mortalità materna e infantile al mondo. Un sistema sanitario già fragile e una terribile mancanza di operatori sanitari, causata in parte dall'epidemia di Ebola del 2014, hanno anche portato a un drastico aumento del numero di decessi tra i bambini sotto i cinque anni.

Secondo le Nazioni Unite, la mortalità era già una delle più alte al mondo per i bambini al di sotto dei cinque anni e i ricercatori hanno previsto che la mortalità infantile potrebbe, secondo le Nazioni Unite, aumentare a 114 ogni 1.000 nati vivi, un ulteriore 74% a causa della perdita di personale sanitario durante l'epidemia di Ebola.

Tra maggio 2014, quando è stato registrato il primo caso di Ebola in Sierra Leone, e all'inizio del 2016, quando il paese è stato dichiarato esente da Ebola, l'epidemia ha causato 3.956 vittime, tra cui il sette per cento degli operatori sanitari del paese.

Questo è il motivo per cui Medici senza frontiere ha fatto dello sviluppo professionale degli operatori sanitari locali una delle sue massime priorità in Sierra Leone. La formazione è stata fornita a 160 medici senza frontiere nel distretto di Kenema nel 2018. Durante la sua prima fase, l'ospedale Medici Senza Frontiere di Kenema ha fornito un laboratorio e una banca del sangue, insieme a servizi pediatrici che includono un pronto soccorso, un'unità di terapia intensiva pediatrica, un centro di alimentazione terapeutica ospedaliera, un reparto pediatrico generale e un reparto di isolamento per sospetti casi di febbre di Lassa.


Aggiornamento:
L'ospedale è aperto ai servizi ai pazienti da marzo 2019 nella città di Hangha, fornendo assistenza sanitaria di emergenza di qualità a bambini sotto i cinque anni per ridurre la morbilità e la mortalità dei bambini. In futuro si aggiungerà una maternità per contribuire ad affrontare l'elevato tasso di mortalità materna nel distretto.

Lascia un commento